Finalmente … Apeiron: il progetto della Scuola è diventato realtà
Erica Poli e Maurizio Grandi
Ci avete atteso in tutti questi mesi, ci avete seguito e ci avete scritto in tantissimi per avere informazioni e iscrivervi alla Scuola di Alta Formazione che avevamo annunciato come Progetto nel marzo 2019.
Abbiamo lavorato un anno insieme al CIRPS, Centro Interuniversitario di Ricerca per lo Sviluppo Sostenibile, e siamo felici di annunciarvi che Apeiron diviene realtà, tradotta in una Scuola di Alta Formazione, patrocinata da CIRPS ed erogata in collaborazione con La Torre, che partirà nell’autunno 2020.
Un anno che è stato un viaggio di ricerca e studio per progettare e realizzare una Scuola di Eccellenza che, se già innovativa in partenza, oggi si è rivelata persino “profetica”.
In questo tempo, l’emergenza della pandemia Covid-19, indipendentemente da qualsiasi interpretazione se ne voglia dare, ha posto senza mezzi termini sotto gli occhi di tutti il fatto che siamo completamente interconnessi, mostrando i rischi di procedere in una globalizzazione di merci e persone che non tenga conto dell’armonia dell’insieme, il fatto che la salute può essere tale solo se è salute dell’intero sistema uomo-società-animali-piante-ambiente e il bisogno di formazione di professionisti a tutti i livelli in grado di tutelare, promuovere e salvaguardare la salute globale attraverso un vero cambio di paradigma che superi davvero il riduzionismo positivista di cui vediamo oggi gli effetti dannosi e distruttivi in ogni ambito della nostra Vita.
Indipendentemente dalla sua reale origine, Covid ha giocato il ruolo di un hacker per il sistema vigente, facendolo collassare, mostrando la vulnerabilità delle logiche che lo hanno sotteso finora.
Adesso siamo già chiamati a ridisegnare il futuro che non potrà essere ritornare al prima, ma piuttosto imparare come creare il Nuovo da quel che sta accadendo.
La Scuola in Antropologia della Salute nei sistemi complessi, in tempi “non sospetti”, come si dice, aveva già posto al centro del suo obiettivo formativo esattamente tutto questo.
Per ulteriori Informazioni: latorre@mauriziograndi.it
Nel testo di presentazione si legge:

“L’assunzione del concetto di sistema complesso, in effetti, abbraccia la totalità dei sistemi del reale e sono esempi di sistemi complessi il sistema climatico, la crosta terrestre, tutti gli ecosistemi, gli organismi viventi, il sistema umano, i sistemi sociali, i sistemi economici, l’ambiente nella sua totalità assieme alla dinamica “storica”, cioè di evoluzione o coevoluzione, dei sistemi viventi e degli eventi che li coinvolgono. Se ne evince chiaramente l’importanza che questo approccio che è insieme ecologico, antropologico, scientifico ed umanistico, riveste nel mondo attuale nel quale ci troviamo a fronteggiare costantemente emergenze ambientali e di popoli, dall’Amazzonia alla Mesopotamia, e crisi della salute delle persone, delle società, delle economie e del pianeta in toto. L’esigenza di formare Professionisti in grado di comprendere, studiare e modellare questa complessità è sempre maggiore.     (…)

Di fronte a tanta criticità, sia antropologica che ecologica, la Scuola in Antropologia della salute nei sistemi complessi si propone di fornire agli Studenti le più aggiornate e applicative conoscenze negli ambiti della complessità biofisica (ecosistemi, elettromagnetismo, suono, acqua, tossicità ambientale, tossicità da 5G, metodiche di biorisonanza), della complessità biochimica (mondo vegetale, botanica farmaceutica e nuovi preparati, botanicals e biofotoni) e della complessità antropologica in relazione alla biologia, alle neuroscienze delle emozioni, alla neuroestetica da un lato e alla socioeconomia dall’altro.

L’acquisizione di queste conoscenze, già erogate secondo una metodologia interdisciplinare, favorisce nel singolo lo sviluppo del pensiero complesso e la crescente presa di coscienza di tale complessità, al fine di promuovere in ogni ambito, la presenza di Professionisti in grado di dialogare e orchestrare la complessità del sistema, di interagire a più livelli e in forma non lineare con le sue componenti avendo a disposizione strumenti di azione che derivano dai tre ambiti fondamentali di insegnamento: la biofisica, la biochimica e l’antropologia.

La scienza stessa è giunta a comprendere il pluralismo evolutivo e la flessibilità costante della biosfera e a far risaltare la necessità di una presa di coscienza globale come evento chiave del nostro secolo, che guidi la solidarietà e la responsabilità nella tutela del patrimonio umano e delle risorse planetarie.”

Vi aspettiamo per imparare insieme a creare il nuovo futuro, per far risuonare di nuovo l’armonia dei sistemi, per dar Vita alla Vita.
Ecco allora le informazioni operative:
La Scuola avrà sede fisica a Torino, presso il Centro La Torre ma sarà frequentabile anche in remoto streaming e in differita.
Si svolgerà da novembre a giugno 2020.
Il titolo di studio richiesto per l’iscrizione alla Scuola è il Diploma di Laurea di qualsiasi disciplina ma saranno ammessi anche Partecipanti non in possesso di tale titolo accademico, come uditori (che non riceveranno diploma ma attestato di frequenza) e sarà eventualmente possibile iscriversi a singoli moduli formativi.
Sono previste lezioni frontali e un tirocinio che consisterà in un progetto di ricerca da concordare con i Docenti e relativa redazione di una tesi che ci auguriamo diverrà pubblicazione oppure elaborato compilativo relativo ad un argomento di interesse tra quelli trattati nella Scuola.
Il Mondo ha bisogno di Nuovi ricercatori dotati di mente e cuore interconnessi e ha bisogno di un nuovo sapere figlio della connessione e del pensiero divergente.
Su questo, per approfondire, potete leggere alcuni articoli pubblicati sulla Rivista web Ongood.eu, rivista portavoce anche della Scuola.
La Scuola è a numero chiuso.
Per info su costi e modalità di iscrizione potete inviare mail direttamente al Centro La Torre : latorre@mauriziograndi.it
Gli insegnamenti del Master saranno orchestrati in quattro macro moduli, Biofisica, Biochimica ed etnofarmacologia, Neuroscienze e psicologia, Antropologia e sostenibilità.  Potrete leggere l’intero programma nel documento Piano Formativo, accluso alla Newsletter e consultabile sui Nostri siti (www.ericapoli.it – www.latorre.it)
Vi aspettiamo, se volete sognare e disegnare con Noi la Vita che verrà e cominciare magari a realizzarla insieme.

Erica Poli e Maurizio Grandi