Senza categoria

Presentazione Libro “Droghe ieri, oggi, domani”

Grandi-Droghe immagine

 

 

 

TRA ANTROPOLOGIA E NEUROSCIENZE, CURA E SBALLO

Presentazione libro con Maurizio Grandi. Introduce la serata Erica F. Poli.

Quando: Martedì 11 febbraio 2020

Ore: 19:30-20:30

Dove: EFP Group – Corso Vercelli, 56 – 20145 Milano

Ingresso gratuito senza prenotazione.

PRESENTAZIONE

Nel mondo coesistono una realtà ordinaria, visibile, e non ordinaria, invisibile. Le piante medicinali hanno un ruolo terapeutico, rituale, culturale e magico: curano perché contengono uno spirito, “Giardino magico” con molti vantaggi e pochi rischi. Piante Dee sconosciute ai giovani di oggi, sostituite da devastanti, suicidi fenomeni di massa, scissi dal contesto originario, in una società che ha perso ogni valore di riferimento, in un mercato senza freni. La Cannabis, le sostanze allucinogene hanno potenziali effetti nella terapia del dolore e nelle patologie mentali. L’uso indiscriminato impedisce uno studio farmacologico controllato della potenzialità nel trattamento di Alzheimer, Parkinson, schizofrenia.

Moringa: un superfood per la sindrome da fatigue nei pazienti di cancro

La devastante condizione psicofisica, multidimensionale, capace di attaccare l’integrità dell’individuo su più  livelli non solo conseguenza di le terapie, ma anche della malattia, e rendendo difficile da inquadrare e curare. Diversa da qualsiasi definizione di “affaticamento” che possa colpire un individuo sano, determina sintomi devastanti più delle malattie gravi. Si sviluppa nel tempo, riduce i livelli di energia, le capacità mentali e lo stato psicologico dei pazienti oncologici. Il 77% dei pazienti sottoposti a trattamenti antitumorali soffre di affaticamento. Un sintomo che il 61% dei pazienti ritiene più invalidante del dolore, della nausea e della depressione. Ma solo il 9% riceve una terapia specifica per contrastare il problema. L’affaticamento globale è onnipresente tra le forme tumorali.

sindrome

 

 

 

 

 

 

Utilizziamo nella gestione:

Moringa Oleifera (Moringa Oleifera)
Contiene:
minerali, aminoacidi, carotenoidi, antiossidanti, acidi grassi omega3 e omega 6, vitamina C (a concentrazione sette volte superiori rispetto alle arance), vitamina A (a concentrazione dieci volte maggiori rispetto alle carote). La concentrazione
di calcio è diciassette volte più alta rispetto al latte,
di proteine nove volte rispetto allo yogurt,
di potassio dieci volte di quello delle banane
di ferro venticinque volte quello degli spinaci.

Fitosteroli vegetali (stigmasterolo, sitosterolo e campesterolo), precursori di ormoni lattogeni. La pterigosperimina è il risultato della condensazione tra due molecole di isotiocianati di benzile e una molecola di benzochinone. Con l’essiccazione si possono preservare i principi attivi ad alto contenuto nutrizionale. L’estratto acquoso della pianta inibisce la crescita delle cellule tumorali MOLT 4, probabilmente per la presenza di flavonoidi e glicosilati.

Musa Paradisiaca (Banana)
Per le sue proprietà nutritive ed energetiche la banana è indicata per gli sportivi.
Ricca di aminoacidi, zuccheri, vitamina B1, B2, C, E, minerali (fosforo, magnesio, sodio, potassio, ferro, zinco) e tannini. Le proteine presenti in un frutto sono 1,09, i grassi 0.33, i carboidrati 22.84, le fibre 2.6. Le vitamine B2, PP, B6, triptofano, magnesio stimolano l’organismo a produrre serotonina, essenziale per l’equilibrio e tono dell’umore e la qualità del sonno.
Bibliografia

  1. Ethnopharmacol 1986 Oct.18
    Anti-ulcerogenic effect of banana powder (Musa sapientum var.paradisiaca) and ots effect on mucosal resistance
    Goel RK, Gupta S, Shankar R, Sanyal Ak.
  2. Ethnopharmacol 1987 Sept-Oct 21
    Effect of banana powder (Musa sapientum var.paradisiaca) on gastric mucosal shedding.
    Mukhopadhyya K, Bhattacharya D, Chakraborty A, Goel RK, Sanyal AK.
    (Department of Pharmacology, Banaras Hindu University, Varanasi, India)
  3. Ethnopharmacol 1999 Jun; 65 (3)
    A natural flavonoid present in unripe plantain banana pulp (Musa sapientum var. paradisiacal) protects the gastric mucosa from aspirin-induced erosions.
    Lewis DA, Fields WN, Shaw GP
    (Department of Pharmacy, Aston University, Gosta Green, Birmingham, UK)
  4. Scand J Gastroenterol 1993 Oct;28 (10)
    Green banana protection of gastric mucosa against experimentally induced injuries in rats. A multicomponent mechanism?
    Dunjic BS, Svensson I, Axelson J, Adlercreutz P, Ar’Rajab A, Larsson K, Bengmarks. Dept of Surgery, Lund University, Sweden.

 

Adansonia digitata (Baobab)
Pianta pantropicale dell’Africa centrale, raggiunge i 20 metri di altezza. Vive 500 anni, ma ne sono stati descritti alcuni che risalgono a 5.000 anni. La parte della pianta più utilizzata in nutrizione è il frutto che contiene in mg. ogni 100 gr di polpa:
Proteine 2.3, Lipidi 0.27, Fibre solubili ed insolubili 52.0, Carboidrati 75.6, Acido ascorbico 280-300, Calcio 293, Potassio 2.31, Fosforo 96-118.
100 grammi di polpa forniscono fino a 300 mg di vitamina C, sei volte quello contenuto in un’arancia.
Le fibre solubili ed insolubili, rappresentano 52 g ogni 100 g di prodotto, rapporto 1:1.
Le fibre non solubili non vengono assimilate dall’intestino, ma agiscono sul transito intestinale attraverso la stimolazione della peristalsi. Trovano impiego in un regime di dieta ipocalorica, combattono la stitichezza.
Ha un’attività analgesica comparabile all’utilizzo di 50 mg/kg.

https://www.etnopharma.com/product-page/motion

 

La Psicomotricità

…..scopro il piacere del mio corpo attraverso il movimento, la conoscenza dei miei confini corporei,

il dentro e fuori..

il sopra e sotto..

il davanti e dietro..

e la bellezza dell’incontro tra l’io ed un tu..

…dentro uno spazio mentale e corporeo

di relazione condivisa…

Il corpo e lo spazio

Per il bambino il corpo è il luogo privilegiato di esperienza e di conoscenza di se stesso e della realtà, di espressione e di comunicazione con l’altro. Sulla base di questo principio, la Pratica psicomotoria è un itinerario di maturazione proposto ai bambini al fine di favorirne e sostenerne l’equilibrio armonico sul piano psico-fisico e nel rapporto con gli altri.

Il contatto con le altre persone inserite nel contesto familiare, prima di tutto con la mamma, nei primi anni di vita risulta un aspetto importante per una sereno sviluppo affettivo, motorio e cognitivo per il bambino, infatti costui si esprime inizialmente attraverso un linguaggio corporeo, che si serve di uno scambio caratterizzato da gesti, carezze ed abbracci.

Grazie alla relazione, il bimbo vive i suoi primi scambi con gli altri, entra in contatto con il mondo e viceversa il genitore entra in contatto col bambino.

I sensi del bambino hanno bisogno, dunque, di essere stimolati dal calore della pelle, da mani che trasmettono protezione e amore, da carezze che sfiorino pelle e cuore, insomma da situazioni di benessere che sopratutto i caregivers fin dai primi mesi di vita sono chiamata ad accompagnare con atteggiamenti carichi di emozionalità.

Il benessere provato dal genitore che si prende cura di lui consentirà al bambino un iniziale approccio positivo alla vita e su tali rapporti di risposte a stimoli materni si struttureranno i successivi legami affettivi.

Il laboratorio di psicomotricità proposto prevede che l’attività sia svolta da bambini compresi entro la fascia di età 0-7 anni, attraverso il movimento e le infinite possibilità di gioco si offre la possibilità di una armoniosa sperimentazone corporea: saltare, correre, dondolarsi, giocare.

Tutte attività, insomma, che aiutano i bambini a conoscere se stessi, i propri limiti, ad affrontare i propri conflitti interni o le proprie paure, ed infine a sviluppare il proprio pensiero.

L’attività psicomotoria, favorisce anche la possibilità per i genitori di confrontarsi, sostenersi e reciprocamente accompagnarsi nello sviluppo armonico dei propri figli, sia dal punto di vista del corpo, sia da quello afferente alla mente.

La percezione del proprio corpo in relazione allo spazio, al tempo, all’interazione con l’altro, è una condizione necessaria al bambino per poter fare un’esperienza relazionale con il mondo che lo circonda.

Per il bambino, un oggetto è percepito in relazione al suo corpo, e il corpo si muove nel mondo; il corpo attraverso l’altro conosce se stesso. Per conoscere ciò che sta dentro bisogna passare per ciò che è fuori..

La Psicomotricità, con l’aiuto dell’Eutonia e della Gestalt, si cerca di ristrabilire l’equilibrio tra la presa di coscienza delle sensazioni interiori e l’apertura al mondo esterno agendo sul tono,  sull’attenzione a parti determinate del corpo, sul suo volume, sul suo spazio interno, sulla pelle, sui tessuti, gli organi, le ossa e il loro spazio interno. Si agisce, dunque, sulla relazione attraverso il contatto.

Lo spazio psicomotorio in un clima di “gioco” rappresenta per il bambino, un’occasione di incontro e condivisione, una possibilità di muoversi e di dialogare con gli altri rapportandosi con lo spazio e con gli oggetti mediante l’esperienza, l’azione, il pensiero, le emozioni e i desideri collegati al gioco, al piacere di fare, alla fantasia, alla creatività.

Lo scopo è quello di mettere a disposizione dei bambini un luogo chiamato “spazio magico”, uno spazio entro il quale il bambino “libero da ciò che deve essere, possa essere ciò che è..”, uno spazio entro il quale il bambino possa costruire la propria immagine di sé, le proprie capacità relazionali, dove venga riconosciuto per i suoi desideri, esprimendo se stesso, ciò che sente e ciò che vive giocando..

Organizzazione dei gruppi

L’attività di psicomotricità si svolge in piccoli gruppi di circa  5/6 bambini, suddivisi per fascia d’età.  In ogni gruppo è prevista la presenza di due psicomotriciste. A seconda delle necessità dei bambini è possibile creare i diversi gruppi e quando occorre seguire singolarmente il bambino.

Durata

È previsto un ciclo di 10 incontri della durata di 50 minuti per gruppo, con cadenza settimanale.
È possibile rinnovare il ciclo di incontri qualora le famiglie fossero intere.

Ci sarà il 22/11/16 dalle 16.30 alle 19.30 la possibilità di due gruppi incotro/conoscitivi con i bambini del percorso “ASSAGGI”.


Costi
E’ prevista una seduta nel progetto “ASSAGGI” che avrà il costo di 8 euro a bambino.

Per le sedute educative di gruppo il costo sarà di 15/20 euro a bambino
e per le sedute individuali 25/30 euro (prezzo variabile  a seconda del percorso necessario).
Sarà possibile effettuare dei “pacchetti” annuali.

Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento o informazione, potete contattare
Valentina 3292264128
Fabrizio  3479644715