Blog

Auguri di Capodanno

da 29 Dicembre 20149 Commenti

Imparare dal passato,
vivere per il presente, 
sognare per l’avvenire.

Learn, Live, Dream. 

Il discorso di Pericle agli ateniesi nel 461 a. C., tratto da «La guerra del Peloponneso di Tucidide»

Maurizio Grandi La lettera di Pericle agli ateniesi

“Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia. Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo. Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo. Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benchè in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla. Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.

Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore. Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versalità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ora mi chiedo dove stiamo andando?»

 

arrivederci a Roma 
dal 18 al 21 gennaio
dal 21 al 24 febbraio
dal 21 al 24 marzo

arrivederci a Milano
il 12 gennaio
il 10 febbraio
il 10 marzo

9 Commenti

  • Anna Enis ha detto:

    Dovremmo leggerlo spesso

  • Marilena mossi ha detto:

    L

  • Marilena mossi ha detto:

    Le vostre parole sono sempre di incoraggiamento per noi comuni mortali…Che dire? Continuate così,un semplice grazie mi sembra poco ma è detto e sentito con il cuore!
    Auguri a voi tutti.marilena

  • Maria Marcora ha detto:

    sì però Pericle era Pericle e Renzi….è Renzi
    Auguri caldississimi per un anno nuovo davvero pieno di abbracci e belle idee !
    Maria

  • isabella ha detto:

    grazie per questi auguri davvero speciali! Forse perché di cognome faccio Greco che mi piacerebbe davvero vivere ad Atene o forse perché mi piacerebbe vivere in democrazia anche solo qui ! comunque Buon Anno a tutta la vostra speciale famiglia e ancora grazie per la tua preziosa amicizia
    isa e fam

  • nadia ha detto:

    Quando non sai che strada prendere torna indietro….qui ad Atene noi facciamo così…

    Grazie per la cura e le cure che poni ai corpi, alle anime, ai pensieri, alle azioni…e al quid racchiuso in ognuno di noi.
    …Impossibile chiedere di più.. auguri tanti e amore (troppo) anche a te…

    nadia boscherini

  • teresa loseto ha detto:

    Nel passato ho preso una Locomotiva. Si è fermata in stazioni che non ho scelto, ha continuato il suo cammino.
    I binari sempre dritti hanno scelto per me ma grazie ad un “Capotreno” ho tirato il freno a mano e cambiato il percorso.
    Ho scelto le fermate e tra quelle che preferisco ci sono quelle che mi hai insegnato Tu.
    Si chiamano Pensiero, Amore, Anima, Conoscenza, Libertà, Lettura, Musica, Ascolto, Passato e Futuro… vorrei non essere Sola a scendere a queste fermate! Auguri Prof.Grandi estesi a tutto lo Staff La Torre. A presto, Teresa Loseto

  • Silvana ha detto:

    Grazie per gli auguri dottor Grandi, siamo felici di averLa a Torino.
    Auguri fervidi anche a Voi.

  • Silvana Gavazza ha detto:

    La ringrazio per gli auguri e mio marito ed io contraccambiamo sinceramente.
    Siamo felici di averLa nella nostra città.