1280px-Helichrysum_italicum_(corsica)

Cosa cura?

“Sento dunque sono”:
l’immunità forte a protezione dell’Io debole,
attraverso piante capaci di adattamento all’ambiente
per la loro e la nostra sopravvivenza.

Il professor Maurizio Grandi, presso il Poliambulatorio La Torre, a Roma,al Florance della Clinica Assunzione di Maria Santissima (già Anglo Americana) si occupa di Malati  affetti da neoplasie, malattie autoimmuni, virali e patologie ambientali.

Nel corso del ventesimo secolo il mondo ha vissuto un’esplosione tecnologica e industriale senza precedenti che ha modificato significativamente l’ambiente in cui viviamo.

E’ ormai chiaro che le sostanze di derivazione industriale, i carburanti, i pesticidi insieme alle radiazioni elettromagnetiche emesse dagli apparecchi elettrici da cui siamo circondati nel nostro ambiente di vita e di lavoro possono essere la causa o la concausa dell’insorgere di patologie molto gravi che pregiudicano la qualità della nostra vita.

Magnolia_wieseneri

La Sensibilità Chimica Multipla (MCS)è una tra le più gravi e neglette patologie che derivano da esposizione a stressogeni ambientali. Si tratta di una sindrome immuno-tossica infiammatoria cronica e disabilitante dal decorso progressivo che deteriora l’organismo aggredendo molti apparati. La MCS è studiata negli Stati Uniti fin dall’inizio degli anni ’50 ma è riconosciuta come malattia oltre che negli Stati Uniti solo in Canada ed in Germania. In Italia la MCS non è riconosciuta come malattia dal servizio nazionale.

Gli stessi determinanti della sensibilizzazione chimica multipla sono anche nella Sindrome da Fatica Cronica (SFC) e della encefalite mialgia, dove si accompagnano ad un’infezione virale, batterica, protozoaria (toxoplasma), stress psicologico o radiazioni ionizzanti.
O nella Fibromialgia, quando un trauma fisico (in particolare in sede cervico craniale) un’infezione virale e batterica, stress psicologico e malattie autoimmuni antecedenti determinano sintomi diversi, pur con analogo a quello della MCS.

I Malati vengono accompagnati, con il supporto dei botanicals,con l’utilizzo di droghe vegetali, con i suggerimenti sulla nutrizione,con la fisica del suono e di campi elettromagnetici a bassissima frequenza, nei Loro trattamenti chemioradioterapici.